Reato di immigrazione clandestina

Fiore: contemplato in tutti i paesi europei, opinione Marchetto non rappresentativa di opinione Chiesa.

Il reato penale di immigrazione clandestina che il governo italiano intende introdurre non è una novità in Europa. In forme diverse il reato è previsto come tale "in Francia, Germania e Gran Bretagna", ovvero i tre paesi più ricchi dell'Unione e quelli verso i quali maggiori sono stati i flussi migratori.
Insomma, le critiche dell'Europa prima e dell'Onu, sono, secondo Fiore, "insensate anche perchè tutti i maggiori stati europei stanno prendendo concrete misure contro l'immigrazione sfrenata e la clandestinità. Non crediamo che l'introduzione del reato di clandestinità sia sufficiente per fermare l'immigrazione, ma è senz'altro uno strumento che può essere molto utile e che ci trova in sintonia con Maroni."

La Spagna nell'ultimo anno ha rimpatriato il 92% dei clandestini sbarcato sulle coste spagnole; in Francia sono state reimpatriate 23mila persone, in Gran Bretagna nell'ultimo biennio sono stati espulsi 65 mila immigrati.

Per quanto riguarda le critiche del Segretario del Pontificio Consiglio per i migranti Monsignor Marchetto, Fiore sostiene che: "L'opinione di un Vescovo non è l'opinione della Chiesa: le sue dichiarazioni riflettono un opinione personale e hanno lo stesso valore di quelle di un qualsiasi cattolico.
Chi come il Corriere della Sera riporta la notizia comparandola all' opposizione della Santa Sede ai Dico,o è ignorante o fa finta di non sapere come stanno le cose".

 

 

 

 

 

...>