FIORE: NO A FAVORITISMI PER GIORNALI DEL CAPITALE


Roma, 25 settembre 2008. Per Roberto Fiore (Forza Nuova), i tagli all'editoria e ai giornali di partito rappresentano «una manovra che aggredisce i piccoli per favorire i grandi gruppi. Oggi non esiste un giornale che non faccia più o meno velatamente politica: per questo, se tagli ci devono essere, devono riguardare tutti. Per ripristinare una corretta libertà di stampa, dobbiamo eliminare il dislivello che favorisce i giornali direttamente o meno legati a gruppi di pressione economica, partendo dal Corriere fino ad arrivare al Sole 24 Ore e alla Stampa». «Tutti - afferma Fiore in una nota - si lamentano dei contributi ai giornali di partito, ma quanti sanno che lo stato finanzia il Corriere della Sera rimpolpando gli utili degli azionisti della Rcs e che i grandi gruppi e le testate ad alta tiratura beneficiano del cosiddetto regime speciale monofase di applicazione dell'Iva? Per quanto riguarda poi i contributi indiretti, sono soprattutto i grandi gruppi ad averne beneficiato. Quindi, se l'intento di Tremonti è quello di risparmiare - conclude - incominci con i tagli ai grandi giornali». (ANSA).

 

 

 

 

 

...