ON.FIORE:FALLIMENTO DOHA POSITIVO, MA SERVE RIVOLUZIONE ECONOMICA


E' saltato l'accordo nel negoziato del Doha Round a Ginevra. Fra i primi a commentare l' insuccesso della maratona negoziale del Wto c'e'
l'Onorevole Roberto Fiore di Forza Nuova:"questo fallimento è da interpretarsi come un segnale molto positivo, una manna dal cielo per l'agricoltura italiana che diversamente sarebbe stata abbattuta" prosegue " noi siamo stati tra i primi a contestare le politiche economiche promosse dal commissario europeo al commercio Mandelson."
Felicitazioni sono giunte anche dal Ministro Zaia, dichiaratosi sostenitore del fallimento. Secondo Fiore, "giunti a questo punto, non è però sufficiente che Zaia o Tremonti parteggino per una parte o per l'altra come una tifoseria, esultando per una vittoria non loro. Se questa volta ci è andata bene e uno degli aspetti più negativi della globalizzazione è stato momentaneamente frentato, non significa che la battaglia sia vinta, anzi.Per questo, occorre che l'Italia vada oltre le parole e le prese di posizione, smarcandosi dai poteri forti sovranazionali per intraprendere un percorso di autodeterminazione economica in accordo con le altre nazioni disposte a farlo. Quello che ci serve, è una rivoluzione politica affinchè possa compiersi quella economica."