PANE AL POPOLO

Forza Nuova distribuisce il pane contro il carovita a Udine

Forza Nuova sarà in viale Vat presso il mercato il giorno 28 marzo dalle ore 10 alle 12 00 per sensibilizzare i cittadini sul carovita e la grande crisi economica che sta colpendo sempre più  le famiglie di Udine.
Per l’occasione i militanti di Forza Nuova distribuiranno tot kg 30 di pane(ad 1 euro al kg) e 30 Kg di pasta (tre tipi di pasta: fusilli, rigatoni e spaghetti tutti prodotti di un pastificio italiano vicino ai bisogni della gente) in confezioni da 500gr a 15 cent l’una, per evidenziare l’esistenza di un’enorme catena di speculazione che va a toccare beni di consumo primari come il pane, la pasta etc.
Verilli Cristian propone : “Stiamo predisponendo un progetto da presentare all’assessore competente del comune di Udine che riguarda l’acquisto di un grosso quantitativo di farina da distribuire a dei fornai che si rendono disponibili a produrre il pane e metterlo in vendita ad un prezzo che vada da 1 a 1,5 euro e di destinare una quota per i generi alimentari nella social card..
Verilli Cristian segretario provinciale di Forza Nuova dichiara: “Questa è una battaglia fondamentale per una forza politica come la nostra che nutre grande attenzione per i problemi pratici che le famiglie devono affrontare nel quotidiano. La recessione economica –infatti – sta colpendo proprio i soggetti più deboli e meno tutelati della società. Le istituzioni –in tal senso- latitano e anche a Udine se non saranno presi seri provvedimenti la situazione può solo che peggiorare. E’ per questo che Forza Nuova sceglie un percorso di politica sociale che sia di reale ausilio a tutti i cittadini, non i soliti sterili proclami dei partiti della ‘casta’.”.


L’INIZIATIVA DI FORZA NUOVA
Il «pane di destra» va esaurito in un’ora
Contestazione con volantinaggio della Rete antifascista. Venduti 40 chilogrammi



Non c’è stata ressa come a Trieste, ma anche a Monfalcone, storicamente più spostata a sinistra, ha avuto successo la distribuzione di pane a basso prezzo messa in campo dalla formazione di destra Forza Nuova, per denunciare gli aumenti subiti da un bene primario, tali da mettere in difficoltà le fasce più deboli della popolazione. Benché senza troppo rumore e con qualche timidezza, i 40 chilogrammi di pane bianco messi a disposizione in piazza della Repubblica da Forza Nuova sotto forma di pagnotte da mezzo chilo, vendute a 50 centesimi, si sono volatilizzati nel giro di meno di un’ora. Ad avvicinarsi soprattutto signore di una certa età, che fatti un due conti non hanno esitato ad approfittare dell’occasione, a prescindere da chi la proponeva. «Il pane ormai anche nei supermercati costa fino a 4 euro al chilo - ha detto una monfalconese dopo aver acquistato due pagnotte sborsando solo un euro - e se si vuole un buon pane per meno di 3 euro non si trova niente. Credo che l’iniziativa sia giusta, perché almeno per pane e latte i prezzi dovrebbero essere mantenuti più bassi». A Trieste i panificatori hanno obiettato come Forza Nuova abbia venduto il pane sottocosto e quindi a un prezzo che non sarebbe mai praticabile da un dettagliante. Secondo gli esponenti del partito, ci sarebbero però dei margini per mantenere comunque i prezzi più bassi, come ha ribadito ieri l’esponente provinciale di Forza Nuova Mauro Steffé. L’obiettivo dell'iniziativa di ieri era comunque quello di «sensibilizzare i cittadini sul carovita e la crisi economica che sta colpendo sempre più le famiglie italiane».
«Forza Nuova si batte per riportare il pane a un prezzo più vicino alle tasche degli anziani e meno abbienti, cioé 1,5 euro al chilogrammo - ha aggiunto Steffé -, perché ha raggiunto ormai prezzi troppo alti, in media 3,5-4 euro al chilo, con un incremento medio del prezzo del 15% rispetto un anno fa». Forza Nuova riproporrà quindi l’iniziativa la prossima serttimana, quindi sempre di sabato e in centro a Monfalcone. Anche perché il tentativo di «boicottaggio» operato ieri da aderenti al movimento Rete antifascista indipendente attraverso la distribuzione di volantini contro l’iniziativa del «Pane al popolo» non sembra aver raggiunto lo scopo. A controllare che in piazza della Repubblica, peraltro affollata di maschere, non si scatenassero tensioni ieri comunque c’erano le forze dell’ordine. Nel volantino distribuito ieri nelle strade che affluiscono a piazza della Repubblica, in modo appunto da dissuadere gli eventuali acquirenti del «pane di destra», la Rete antifascista indipendente comunque non si è limitata a chiedere una «politica sociale di cittadinanza rivolta a tutti» e a sostenere «il diritto al lavoro sicuro, al salario garantito, alla casa, alla salute, all’istruzione, alla cultura, agli spazi sociali». Nel volantino si spezzava infatti una lancia anche a favore del «controllo pubblico sui prezzi dei beni di prima necessità mediante la fissazione di un paniere di beni e di tariffe a prezzo calmierato a favore di tutta la collettività». (la.bl.)

--------------------

A ruba «il pane del popolo» offerto in piazza da Forza Nuova

Anche ieri è andato a ruba il «pane del popolo» offerto da Forza Nuova in piazza della Repubblica a Monfalcone, per sensibilizzare la comunità sul prezzo decisamente alto raggiunto da un alimento di così largo consumo.Non a caso ieri a farsi avanti sono state soprattutto persone di una certa età che ogni giorno devono fare i conti con pensioni scarne e un costo della vita che invece negli ultimi anni è continuato a crescere. Diversi cittadini erano in attesa già prima che gli esponenti di Fnmontassero il gazebo e portassero in piazza le ceste con i filoni di pane da 600 grammi prodotti appositamente in un forno della provincia. Anche in questa seconda giornata di distribuzioni i 40 chili messi a disposizione dal partito sono andati esauriti nel giro di un'ora e quanti si sono avvicinati al banchetto hanno sottolineato come il pane in effetti abbia raggiunto prezzi veramente pesanti in città. «Per ora non ripeteremo la distribuzione del pane - ha spiegato ieri il segretario provinciale di Fn Mauro Steffé -, ma in vista ci sono altre iniziative contro il caro prezzi su beni di prima necessità».


Lucca : Pane al Popolo

Contro il caro vita che colpisce sempre più famiglie , nella mattina di sabato 28 febbraio i militanti di Forza Nuova Lucca hanno distribuito oltre 50kg di pane al mercato di via Bacchettoni a prezzo di costo.Il capitalismo e la globalizzazione della povertà si combattono anche con la solidarietà verso gli italiani più disagiati. Sono stati anche distribuiti volantini sull'emergenza immigrati e stupri riscontrando un grande interesse da parte dei cittadini.

WWW.FORZANUOVALUCCA.IT

 


A ruba «il pane del popolo» offerto in piazza da Forza Nuova

Anche ieri è andato a ruba il «pane del popolo» offerto da Forza Nuova in piazza della Repubblica per sensibilizzare la comunità sul prezzo decisamente alto raggiunto da un alimento di così largo consumo.Non a caso ieri a farsi avanti sono state soprattutto persone di una certa età che ogni giorno devono fare i conti con pensioni scarne e un costo>della vita che invece negli ultimi anni è continuato a crescere.
Diversi cittadini erano in attesa già prima che gli esponenti di Fnmontassero il gazebo e portassero in piazza le ceste con i filoni di pane da 600 grammi prodotti appositamente in un forno della provincia.
Anche in questa seconda giornata di distribuzioni i 40 chili messi a disposizione dal partito sono andati esauriti nel giro di un'ora e quanti si sono avvicinati al banchetto hanno sottolineato come il pane in effetti abbia raggiunto prezzi veramente pesanti in città. «Per ora>non ripeteremo la distribuzione del pane - ha spiegato ieri il segretario provinciale di Fn Mauro Steffé -, ma in vista ci sono altre>iniziative contro il caro prezzi su beni di prima necessità».

Pane a Torre Angela atto III

SABATO 28 FEBBRAIO SI E' TENUTO IL TERZO ATTO DEL PANE AL POPOLO A PREZZO DI COSTO. SONO STATI DISTRIBUITI 300 KG IN POCO PIU' DI UN'ORA E MEZZA, DIMOSTRANDO, CHE LA GENTE CONTINUA AD APPREZZARE L'INIZIATIVA E SI RICORDA DI CHI GLI STA DANDO QUESTA OPPORTUNITA'. INFATTI SONO DECINE LE PERSONE, CHE OLTRE AI RINGRAZIAMENTI, LASCIANO OFFERTE ANCHE SUPERIORI ALL' EURO SIMBOLICO.
FORZA NUOVA IN VIII MUNICIPIO DI ROMA, CONTINUERA' PER TUTTO IL MESE DI MARZO A DISTRIBUIRE KG DI PANE A PREZZO DI COSTO, AUMENTANDO I KILI DA DISTRIBUIRE, E ACCOMPANDO LA DISTRIBUZIONE CON UNA RACCOLTA FIRME PER ISTITUIRE UN ORGANO MUNICIPALE CHE SI OCCUPI DI DARE DERRATE DI PANE A PREZZO CALMIERATO E TUTTI GLI ALTRI BENE PRIMARI, A CHI E' IN GROSSE DIFFICOLTA' NELLA PERIFERIA DIMENTICATA DI ROMA.FORZA NUOVA, INOLTRE, NELLA NUOVA SEDE APERTA IN VIA RAFFAELE DE FERRARI 93, METTE A DISPOSIZIONE DEI CITTADINI, LA CONSULENZA LEGALE GRATUITA, ASSISTENZA SINDACALE E FINANZIARIA.DAL POPOLO PER IL POPOLOWWW.FNTORREANGELA.ORG

TUTTO IL "SALE" DELA PATRIA NEL PANE DISTRIBUITO DA FORZA NUOVA

Il filone e' stato venduto a un Euro. Tanti davanti Palazzo Gabucchini. Nella confenzione un volantino.

FANO - Successo per la convenienza le scorte sono terminate nel giro di poco tempo

"Pane a un euro per combattere il carovita".
Con questo slogan, ieri mattina, Forza Nuova ha dato il via all'iniziativa politico-sociale volta a denunciare le difficoltà delle famiglie italiane in questo momento di crisi e a contrastare la speculazione che opera nei diversi settori economici, compreso quello alimentare.
L'iniziativa, dunque simbolica e al tempo stesso concreta, verteva proprio sulla distribuzione di un chilo di pane, prodotto da un fornaio della zona, al costo di un solo euro. Inutile dire che il banchetto, in corso Matteotti, davanti palazzo Gabuccini ha esaurito in poche ore le scorte di pane portate per questa iniziativa giunta alla sua seconda edizione.LA DISTRIBUZIONE è stata imparziale ed egualitaria in quanto a ciascuna persona che si presentava era concesso un solo chilo di pane, proprio per evitare che qualcuno ne facesse incetta.Nella confezione dell'alimento, era stampato un messaggio di Forza Nuova che esaltava l'operosità e il sacrificio del lavoro italiano a discapito della speculazione."Non sciupate il pane, ricchezza della patria, il più santo premio alla fatica umana. Forza Nuova, forza di popolo".
Visto il successo della dimostrazione è probabile che Forza Nuova ripeta l'iniziativa
a Fano anche nei prossimi sabati come d'altra parte aveva annunciato nelle passate settimane.


FN a Trieste distribuisce il pane al popolo

Stamattina Forza Nuova è scesa in una delle piazze principali di Trieste per distribuire 50 kg di pane al prezzo di 1 euro ed ha riscosso un successo inaspettato con centinaia di persone che si sono fermate a comprare il pane che è andato letteralmente a ruba. Tanti giornalisti delle tv e giornali locali hanno ripreso e intervistato i cittadini entusiasti. Forza nuova ritornerà in piazza per quattro sabati consecutivi ma la prossima volta distribuirà 300 kg di pane per soddisfare ancora più gente. FN ha anche lanciato la proposta al comune di mettere in vendita nei panifici di Trieste che si rendono disponibili del pane comunale ad un prezzo più vicino alle tasche dei cittadini.( Una parte del costo di produzione a carico del comune).Forza Nuova distribuisce il pane contro il carovita a Trieste.


Forza Nuova sarà in piazza Ponte rosso  il giorno 17/01 dalle ore 10 alle 12 30 per sensibilizzare i cittadini sul carovita e la grande crisi economica che sta colpendo sempre più famiglie di Trieste.
Per l’occasione i militanti di Forza Nuova distribuiranno tot kg 50 di pane ai residenti ad 1 euro al kilo per evidenziare l’esistenza di un’enorme catena di speculazione che va a toccare beni di consumo primari come il pane, la pasta etc.
Denis Conte segretario regionale di Forza Nuova dichiara: “Questa è una battaglia fondamentale per una forza politica come la nostra che nutre grande attenzione per i problemi pratici che le famiglie devono affrontare nel quotidiano. La recessione economica –infatti – sta colpendo proprio i soggetti più deboli e meno tutelati della società. Le istituzioni –in tal senso- latitano e anche a Trieste se non saranno presi seri provvedimenti la situazione può solo che peggiorare. E’ per questo che Forza Nuova sceglie un percorso di politica sociale che sia di reale ausilio a tutti i cittadini, non i soliti sterili proclami dei partiti della ‘casta’.”.


Forza Nuova regala cinquanta chili di pagnotte

Codognè Pane gratis durante il mercato settimanale. Ieri mattina, tra i banchi del mercato in piazzale Europa, cera anche il gazebo di Forza nuova allestito da cinque sostenitori locali che ha dispensato 50 chili di pagnotte, acquistate nel panificio del paese e confezionate con tanto di logo. Una proposta che a chi ha qualche capello bianco ricorda le iniziative portate avanti anni fa da gruppi politici opposti a quello doggi, invece si chiama pane comunale ed è una proposta di Fn per sensibilizzare i cittadini sul problema del caro vita. Dopo Treviso e Montebelluna, dove si trova la sede trevigiana di Fn, la manifestazione è arrivata anche a Codognè. «I cittadini in un primo momento erano sorpresi - spiegano gli organizzatori - poi si sono dimostrati interessati e ci hanno spinto a promuoverla e ripeterla». La distribuzione del pane è stata autofinanziata dagli aderenti, che si sono autotassati: «Abbiamo comprato il pane in un panificio del paese,per incentivare il circuito di economia locale, la distribuzione e il consumo dei prodotti della nostr
a terra».



PANE AL POPOLO


Considerato l’enorme successo che l’iniziativa “Pane al popolo” ha riscosso la scorsa settimana, i militanti di Forza Nuova distribuiranno anche nel giorno di Santa Lucia diverse decine di kg di pane ai residenti ad un’offerta libera al kilo per evidenziare l’esistenza di un’enorme catena di speculazione che va a toccare beni di consumo primari come il pane, la pasta etc. Paolo Inverardi segretario cittadino di Forza Nuova dichiara: “Questa è una battaglia fondamentale per una forza politica come la nostra da sempre attenta ai problemi pratici che le famiglie devono affrontare nel quotidiano. La recessione economica –infatti – sta colpendo proprio i soggetti più deboli e meno tutelati della società: anziani, giovani coppie e lavoratori dipendenti. Le istituzioni –in tal senso- latitano e anche a Brescia se non saranno presi seri provvedimenti la situazione può solo che peggiorare. E’ per questo che Forza Nuova intraprende un percorso di politica sociale fatta di atti concreti che sia di reale ausilio a tutti i cittadini, non i soliti sterili proclami dei partiti della ‘casta’”.



SUCCESSO PER “PANE AL POPOLO” A TORRE ANGELA

Prosegue con successo la campagna “Pane al Popolo” di Forza Nuova contro il caro vita. Nella giornata di sabato, in contemporanea con molte altre città d’Italia, Forza Nuova ha distribuito pane alla popolazione anziana e indigente della periferia romana. In mezza giornata sono andati a ruba i 300 kg di casareccio offerti alla popolazione al mercato rionale di Via dei Centauri a Torre Angela. “Con questa iniziativa che ripeteremo nei prossimi giorni anche in altre parti della città vogliamo dare un segnale al popolo di Roma: non siete soli a lottare contro il caro vita, contro la crisi economica, contro il degrado della periferia, Forza Nuova è al fianco del Popolo romano.” Sono le parole di Daniele Lopolito portavoce di FN in VIII municipio che ha poi concluso: “Chiediamo alla giunta comunale di predisporre derrate di pane a prezzo calmierato per aiutare le fasce più deboli della popolazione maggiormente colpite dalla crisi e dall’aumento dei prezzi dei generi di prima necessità”.


Distribuiti 80 Kg di pane a Treviso

Forza Nuova ha svolto un gazebo nella centralissima Piazza Carducci a treviso il giorno 6 Dicembre dalle ore 10 alle 12.30 per sensibilizzare i cittadini sul carovita e la grande crisi economica che sta colpendo sempre più le famiglie trevigiane! Per l'occasione i militanti di Forza Nuova hanno distribuito, ai residenti, 80 kg di pane ad 1 euro al kilo per evidenziare l'esistenza di unenorme catena di speculazione che va a toccare beni di consumo primari come il pane e la pasta. Alessandro Arboit segretario provinciale di Forza Nuova ha dichiarato: Questa è una battaglia fondamentale per una forza politica come la nostra che nutre grande attenzione per i problemi pratici che le famiglie devono affrontare nel quotidiano. La recessione economica infatti sta colpendo proprio i soggetti più deboli e meno tutelati della società. Le istituzioni in tal senso latitano e se non saranno presi seri provvedimenti la situazione può solo che peggiorare. Per questo Forza Nuova sceglie un percorso di politica sociale che sia di reale ausilio a tutti i cittadini, non i soliti sterili proclami dei partiti della casta.


Domenica 7 dicembre Forza Nuova ha distribuito altri 300kg di pane ai cittadini di Cerenova

Come ormai accade da due mesi a questa parte, il pane a prezzo calmierato è durato poco più di un ora. Un continuo via vai di cittadini che sono accorsi, non solo a prendere il pane, ma anche a sostenerci “moralmente” per far continuare un’iniziativa contro il caro vita che in due mesi ha aiutato migliaia di famiglie.Possiamo tirare le somme dell’iniziativa “PANE AL POPOLO” che ha visto distribuiti più di 3.000kg di pane e che hanno fatto risparmiare alle famiglie di Cerveteri e Cerenova una cifra che si aggira intorno ai 4.500€.
Forza Nuova più volte ha scritto all’Amministrazione comunale, chiedendo un incontro per redigere un’azione concreta ed organica da parte del Comune contro il caro vita, ma una risposta non è mai arrivata, tranne per l’iniziativa, secondo noi sporadica e ininfluente che ben due assessorati hanno intrapreso per il mese di dicembre dove raccoglieranno dei beni alimentari tra i cittadini per poi distribuirli ai poco abbienti.
Diciamo sporadica perché, la crisi economica che ha investito la popolazione non si riguarda solo dicembre, ma purtroppo continuerà ancora per molto altro tempo; diciamo ininfluente perché si toglie ad altri cittadini per donare a chi ne ha bisogno, ma soprattutto Forza Nuova critica l’aspetto di elemosina dell’azione che il Comune sta intraprendendo. Il popolo si aiuta facendo pagare il giusto prezzo a dei beni di prima necessità, non certo regalando qualche pacco di alimenti. Forza Nuova per il mese di gennaio intende presentare un progetto all’Amministrazione comunale per combattere il caro-vita ed aiutare le centinaia di famiglie che oggi vivono in una situazione economica molto precaria.
Come sempre Forza Nuova dimostra come la politica odierna sia lontana anni luce dai veri bisogni dei cittadini, il popolo nel momento del bisogno và aiutato con tutti i mezzi necessari, noi lo stiamo facendo e continueremo per questa strada, ce lo chiede il popolo, ce lo chiede la nostra etica politica.

Giuseppe Onorato Forza Nuova Cerveteri
www.peppesindaco.org


Pane al Popolo!

Sabato, 6 dicembre 2008, i militanti di Forza Nuova hanno distribuito, alla gente che transitava nel mercato cittadino di Druento, in provincia di Torino, oltre 100 pagnotte in un'ora. L'iniziativa è stata molto apprezzata dalla popolazione locale. Questo della distribuzione del pane è un gesto simbolico e politico al tempo stesso: Forza Nuova, da un lato vuole essere concretamente vicina alla gente, dall'altro vuol denunciare l'inerzia delle Istituzioni Pubbliche di fronte al problema del carovita. Dall'entrata dell'euro i prezzi delle merci sono raddoppiati, mentre il potere d'acquisto di salari e pensioni ha subito un crollo vertiginoso.  Al  generale impoverimento la  popolazione ha reagito riducendo i consumi alimentari e tagliando le spese per l'abbigliamento, la cultura, il tempo libero, le vacanze. E' evidente che, sulle fasce meno abbienti della popolazione, questa situazione ha avuto delle ripercussioni gravissime, determinando un aumento del loro stato di prostrazione, disagio ed indigenza. La situazione è, sicuramente, allarmante: l'impossibilità di arrivare alla fine del mese è ormai diventata una tragica realtà per troppe famiglie e pensionati italiani. A fronte di questa situazione, il comportamento del governo Berlusconi, allibisce ed inquieta. Berlusconi dice che gli italiani devono "consumare" per dare iniezioni di fiducia e di domanda alla produzione, ma non muove un dito per contrastare le speculazioni che hanno creato il problema del caro vita - infatti, il prezzo del pane, per es.,  è cosi elevato non a causa del prezzo del grano, che è anzi diminuito, ma a causa dell' inaccettabile forbice dei prezzi della filiera che va dal grano al pane, e questo vuol dire che c'è troppa gente che specula sul prezzo del pane -, taglia lo stato sociale e la scuola ed, anzicchè pensare ai lavoratori, ai precari, ai disoccupati, ai pensionati, ed alle famiglie aiuta le banche, quelle stesse che, con mutui e tassi insostenibili, strozzano gli italiani. Forza Nuova difende gli interessi del popolo, non quelli degli speculatori. Forza Nuova ritiene che le Istituzioni Pubbliche debbano iniziare a far fronte alla situazione, venendo incontro alle necessità della gente, ed imponendo, quindi, per legge, un tetto massimo al costo dei prodotti di consumo primario.



Forza Nuova distribuisce il pane contro il carovita a Lecce

Nonostante le condizioni meteo avverse, questa mattina alcuni militanti della federazione leccese di Forza Nuova hanno svolto un banchetto in Via Trinchese per sensibilizzare i cittadini sul carovita e la grande crisi economica che sta colpendo sempre più famiglie di Lecce.

I militanti di Forza Nuova hanno distribuito 100 kg di pane ai residenti ad 1 euro al kilo per evidenziare l’esistenza di un’enorme catena di speculazione che va a toccare beni di consumo primari come il pane, la pasta etc.

Joselito Panzica, segretario provinciale di Forza Nuova ha dichiarato: “Questa è una battaglia fondamentale per una forza politica come la nostra che nutre grande attenzione per i problemi pratici che le famiglie devono affrontare nel quotidiano. La recessione economica –infatti – sta colpendo proprio i soggetti più deboli e meno tutelati della società. Le istituzioni –in tal senso- latitano e anche a Lecce se non saranno presi seri provvedimenti la situazione può solo che peggiorare. E’ per questo che Forza Nuova sceglie un percorso di politica sociale che sia di reale ausilio a tutti i cittadini, non i soliti sterili proclami dei partiti della ‘casta’”.

 

 

 

 

 

 

 

...